28 settembre 2011 151° anniversario della sudorazione di Gesù caduto

Pubblicato il da parrocchiecaltavuturo.over-blog.it

 

gesù caduto

 

 

 

 

 

  • il 28 settembre
  • ore 18 Santa messa solenne
  • nella Chiesa del Collegio.
  •  

 

 

 

 

 

 

 

     

Pubbliachiao la copia del VERBALE redatto il giorno della sudorazione ringraziando il Sig. Salvatore Sciortino per averlo pubblicato.

 

L’anno mille ottocento sessanta
1860 il di 28 settembre alle ore diciassette d’Italia nel coro del Collegio di  Maria di Caltavuturo…………………………………………………….
Noi sacerdoti Bartolomeo
Siragusa Arciprete, Francesco Sanfilippo Vicario Foraneo,Punziano Gargano
Visitatore, assistiti dal sacerdote D. Stefano D’Anna Maestro Notaro della
Corte spirituale e coll’intervento dei signori D. D. Giuseppe Dolce Presidente
del Municipio, D. D. Michelangelo Cirrito Giudice Supplente , D:
Antonino Cirrito Comandante della Gurdia Nazionale, D.D. Antonino Galbo
Giurato, ed alla presenza degli infrascritti individui abbiamo redatto il
presente verbale.
Esiste dentro il Coro di questo Divoto Collegio di Maria una
antica Immagine in carta pesta del redentore Gesu’ Caduto sotto al gran peso
della croce lungo le vie del Calvario,
che con pia devozione si venera non solo dalle sure, ma benanco dall’intiera
popolazione del Comune.
Erano le ore sedici e mezza di questo sudetto giorno quando
suor Maria Maddalena Muscarella , che stava devotamente genuflessa innanzi la
detta Immagine, si avvide che dal volto dello stesso scorrevano gocce di vivo
sudore.
Attonita a tale portento,altre volte ripetuto e massime in tempo di pubblica calamità, dopo
essersi col tatto assicurata della verità del fatto, corse premurosa a chiamare la superiora e le
consuore : le quali andate ivi sollecitamente videro, che in effetto copioso
sudore scorreva dalla guangia destra della detta sacra immagine e postesi da un
canto devotamente in orazione, cercarono delle altre di da far chiamare con
prestezza l’anzidetto sacerdote Galbo, loro Padre Spirituale, nonché le
autorità tutte ecclesiastiche e secolari, onde constatare nella loro presenza
l’acclarato portento.
E di fatti riunitisi come sopra alla presenza di tanti altri
individui che accorsero alla voce sparsa nell’abitato, e che in parte con noi
si firmano, abbiamo palpabilmente osservato, come in atto osserviamo, che dalle
guance , ed indi dalla fronte dell’anzidetta sacra Immagine scorreva copioso
sudore, che asciugato da noi con cotone, e col purificatore del Calice si è
nuovamente riprodotto sotto i nostri occhi.
In seguito scoperta la immagine della veste di cui sta
giornalmente coverta, abbiamo tutti osservato scorrere grosse gocce di sudore
dalla mano or sinistra che la sacra immagine tiene poggiata sulla terra, quale
sudore parimente sciugato, si è subitamente riprodotto.
A vista dell’anzidetto onde contestare vi è maggiormente lo
accaduto portento si sono fatte da noi le seguenti osservazioni:
1. Che il locale dove si trova situata la detta
sacra Immagine è perfettamente asciutto, e ventilato, e con tale flusso e
riflusso da impedire qualunque umido vapore.
2. Che
il presente giorno è un giorno perfettamente sereno, e di molto calore.
3. Che
nelle altre due statue di carta pesta
site nello stesso locale e vicino alla detta immagine del Redentore Gesù , non
si osservano segni di umidità.
4. Che
il cotone inzuppato nel sudore , conservato in carta , la bagnò lasciando
un’impronta sulla stessa.
5. Che
il colorito del volto e della mano non rimase menomamente sbiadita.
6. che
il sudore fu parziale come sopra si è detto,, e che si manifestò in punti che
figurano la carne , essendosi osservate le vestimenta asciuttissime.
In attestato di che e per conservare la memoria di tale
portento abbiamo disteso il presente verbale in triplo originale per
conservarne, uno nella Corte Spirituale di questa , altro in detto venerabile
Collegio di Maria ed il terzo da rimettersi a sua E. Rev. Ma. Monsignore
Vescovo di Cefalu’ , e dietro di avere dato lettura a tutti gli astanti si è
chiuso e firmato da noi, e cge da parte degli astanti suddetti alle ore
diciannove di questo suddetto giorno:
Sac. Bartolomeo Siragusa Arciprete
Sig. Girolamo Audino
Sac. Francesco
Sanfilippo Vic. Foraneo Sig.
Ignazio Panzavecchia
Sac. Punziano Gargano
Vic. Visitatore Sig.
Gerardo Gargano
Sig. e Giuseppe Dolce
Presid. Del Municipio Sig. Onofrio Gargano
Sig. e Michelangelo
Cirrito Giudice supll,te Sig. Vincenzo
Patti
Com.
Sig. Vincenzo Cirrito
Sig.e Antonino
Cirrito Comandante la G.M. Sig.
Gaspare Faulisi
Sig.e Antonino D.
Galbo Giurato
Sac. e Giuseppe Quagliana
Sac.e Giuseppe
Sireci
Sac.e Pietro Scania
Sac. E Gioacchino
Furetta
Sac. E Ignazio de Marte

Sac. E Ignazio
Cirrito
Sac. E Calogero Galbo Cappellano
Sac. Luigi
Quagliana
Sac.e. Ignazio Baiardi.

Visto il Presidente
Giuseppe Dolce, sac.e stefano D’Anna maestro Notaro , vere per suddette firme
Ignazio baiardi
cancelliere.

Commenta il post