CELEBRAZIONI IN ONORE DI MARIA SS. DEL SOCCORSO.

Pubblicato il da parrocchiecaltavuturo.over-blog.it

mad semplice

 

 

"BEATA TE

 

CHE HAI CREDUTO"

 

 


CELEBRAZIONI IN ONORE DI

 

 

MARIA SANTISSIMA

 

DEL SOCCORSO

 

 

PATRONA.

 

 

01-10 SETTEMBRE 2013.

 

 

“Beata te che hai creduto!"

con questa parole con le quali Elisabetta si rivolge alla vergine Maria, ci addentriamo a vivere i giorni in onore della Madonna del Soccorso nostra celeste Patrona e Avvocata. In questo anno della fede, in cui siamo spronati a ravvivare la nostra fede, ma nello stesso tempo a interrogarci su di essa l’esempio della Vergine, lei che è madre e maestra nella fede, ci è d’aiuto e da sprono. Il Santo Padre Francesco, nella sua recente Enciclica sulla fede, ci ricorda che la fede è incontro con il Dio Vivente che ci chiama e ci svela il suo Amore. E chi più di Maria ha saputo sperimentare tutto questo? La fede, continua il Santo Padre, ci apre il cammino e accompagna i nostri passi nella storia. La fede, ancora, è la risposta a una Parola che interpella personalmente, a un Tu che ci chiama per nome. La Vergine Maria, ha corrisposto alla Parola di Dio in modo singolare e autentico, facendo della sua vita un segno tangibile d come occorre vivere questa esperienza di fede in Dio e con Dio. Ma Maria non si è limitata solo ad Ascoltare la Parola di Dio, ma ha permesso ad essa di agire nella sua vita trasformandola in tutto e per tutto. Scrive l’Apostolo Paolo ai romani: “ con il cuore si Crede… e con la bocca si fa la professione di fede (Rm 10,10). La fede non è un fatto privato, una concezione individualistica, un’opinione soggettiva, ma nasce da un ascolto ed è destinata a pronunciarsi e a diventare annuncio. Infatti, «come crederanno in colui del quale non hanno sentito parlare? Come ne sentiranno parlare senza qualcuno che lo annunci?(Rm 10,14). La fede si fa allora operante nel cristiano a partire dal dono ricevuto, dall’Amore che attira verso Cristo (cfr Gal 5,6) e rende partecipi del cammino della Chiesa, pellegrina nella storia verso il compimento. Le parole di beatitudine, rivolte da Elisabetta alla Vergine, ci fanno capire come anche noi, nella misura in cui crediamo, viviamo di questa beatitudine se come la Vergine Maria sappiamo essere solleciti verso questa umanità. Proprio grazie alla sua connessione con l’amore (cfr Gal 5,6), la luce della fede si pone al servizio concreto della giustizia, del diritto e della pace. La fede nasce dall’incontro con l’amore originario di Dio in cui appare il senso e la bontà della nostra vita; questa viene illuminata nella misura in cui entra nel dinamismo aperto da quest’amore, in quanto diventa cioè cammino e pratica verso la pienezza dell’amore. La luce della fede è in grado di valorizzare la ricchezza delle relazioni umane, la loro capacità di mantenersi, di essere affidabili, di arricchire la vita comune. La fede non allontana dal mondo e non risulta estranea all’impegno concreto dei nostri contemporanei. Senza un amore affidabile nulla potrebbe tenere veramente uniti gli uomini. L’unità tra loro sarebbe concepibile solo come fondata sull’utilità, sulla composizione degli interessi, sulla paura, ma non sulla bontà di vivere insieme, non sulla gioia che la semplice presenza dell’altro può suscitare. La fede fa comprendere l’architettura dei rapporti umani, perché ne coglie il fondamento ultimo e il destino definitivo in Dio, nel suo amore, e così illumina l’arte dell’edificazione, diventando un servizio al bene comune. Sì, la fede è un bene per tutti, è un bene comune, la sua luce non illumina solo l’interno della Chiesa, né serve unicamente a costruire una città eterna nell’aldilà; essa ci aiuta a edificare le nostre società, in modo che camminino verso un futuro di speranza. Le mani della fede si alzano verso il cielo, ma lo fanno mentre edificano, nella carità, una città costruita su rapporti in cui l’amore di Dio è il fondamento. Se saremo capaci di vivere tutto questo anche la festa diventa momento aggregativo, ma soprattutto esperienza di comunità che nella fede vive i suoi giorni. Con questi sentimenti vi auguro a tutti una buona festa della Madonna. Il mio pensiero e il mio ricordo va soprattutto a coloro che per vari motivi non potranno essere presenti in mezzo a noi fisicamente ma che sicuramente lo saranno con il pensiero e con la fede. Viviamo questi giorni con quell’entusiasmo che diviene desiderio di conversione. Tanti saranno i momenti forti, voglio ricordare in modo particolare i cenacoli di quartiere e la diretta su Radio Maria la mattina del 03 che sarà come una finestra aperta sul mondo e occasione di comunione universale. Anche l’esperienza del 04 sera della tradizionale “acchianata da Madonna” in questo anno della fede assumerà un carattere particolare che avrà il suo cuore nella Celebrazione Eucaristica in piazza San Francesco, volendo così rivivere uno dei momenti di fede che ha caratterizzato la grande fede dei nostri avi che solevano portare in processione verso la chiesa del Convento l’immagine della Madonna perché lei intercedesse verso il suo Figlio Crocifisso per ottenere il bene inestimabile della pioggia. Oggi abbiamo bisogno che Maria interceda verso il suo Figlio per implorare da lui autore di ogni grazia, l’abbondante pioggia delle sue Consolazioni e del suo soccorso.

La vergine Santa del Soccorso vegli su Caltavuturo e i Caltavuturesi e implori da Dio i doni delle sue Grazie. Buona festa.

 

Don Nicola.

PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI.

 

01 settembre Domenica: Solennità di Maria Ss. Di Gibilmanna Patrona della Diocesi.

Ore 08,00 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 09.30 Santa Messa (Chiesa del Convento)

Ore 11,00 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 19,00 Santa Messa (Chiesa del Collegio)

 

02 settembre Chiesa del Collegio

Ore 09.00 Santa Messa ed Esposizione Eucaristica fino alle ore 12,00

Ore. 12.00 Celebrazione dell’ora sesta e reposizione

Ore 16,30 Esposizione Eucaristica

Ore 18,30 Celebrazione dei Vespri e benedizione Eucaristica.

Ore 19,00 Santa Messa.

 

03 settembre Chiesa del Collegio

Ore 07,30 Santo Rosario e Santa Messa in diretta su Radio Maria.

Ore 09.00 Esposizione Eucaristica e adorazione fino alle ore 12,00

Ore. 12.00 Celebrazione dell’ora sesta e reposizione

Ore 16,30 Esposizione Eucaristica

Ore 18,30 Celebrazione dei Vespri e benedizione Eucaristica.

Ore 19,00 Santa Messa e vestizione dei Confrati.

 

“BEATA TE CHE HAI CREDUTO” Visita dell’Immagine della Madonna nei quartieri:

Ore 21,30 Cenacoli di Preghiera.

01 Settembre:LA FEDE di Maria. via Tommaso Grossi.

02 settembre: LA FEDE intelligente e obbediente di Maria. via F. Aporti.

03 settembre: LA FEDE di Maria sostiene la nostra fede. via Manzoni.

05 settembre: LA FEDE provata di Maria. via Berlinguer

06 settembre: LA FEDE di Maria segno di sicura speranza e consolazione. via Ugdulena.

 

4 settembre

Ore 09.00 Santa Messa ed Esposizione Eucaristica fino alle ore 12,00

Ore. 12.00 Celebrazione dell’ora sesta e reposizione

Ore 20.45 Celebrazione della Compieta

e trasferimento della Statua della Madonna in Chiesa Madre.

Itinerario: Collegio di Maria, Via San Tommaso, via Indipendenza, via Giusti, via Parzanese, via San Benedetto, via G. Falcone, via Mamiani, via Mazzini, via G. Falcone, via IV Aprile, via Meli, Piazza San Francesco.

Celebrazione Santa Messa.

Via Meli, via Mazzini, via Riscossa, via Giuseppe Verdi, via Meli, via Nino Bixio, via Turrisi Colonna, via Torino, via Alfieri, Chiesa Madre.

All’Arrivo: Atto di Affidamento del Paese alla Madonna del Soccorso.

 

5 settembre

Ore 08,30 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 18,15 Santo Rosario e Celebrazione dei Vespri.

Ore 19,00 Santa Messa con la partecipazione delle coppie

che ricordano il 25° e il 50° anniversario di Matrimonio ( Chiesa Madre)


06 e 07 settembre

Ore 08,30 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 18,15 Santo Rosario e Celebrazione dei Vespri.

Ore 19,00 Santa Messa ( Chiesa Madre)

 

8 settembre Festa della Natività della B.V. Maria

Ore 08,00 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 09.30 Santa Messa (Chiesa del Convento)

Ore 10.30 Santa Messa con la Benedizione dei bambini (Chiesa del Collegio)

Al termine processione con i bambini verso la Chiesa Madre e omaggio floreale alla Madonna del Soccorso.

Ore 18,15 Santo Rosario e Celebrazione dei Vespri.

Ore 19,00 Santa Messa (Chiesa Madre)

 

9 settembre

Ore 08,30 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 18,30 Celebrazione solenne dei Vespri.

Ore 19,00 Santa Messa

 

10 settembre

FESTA DELLA MADONNA DEL SOCCORSO

Ore 08,00 Santa Messa con la partecipazione dei Confrati (Chiesa Madre)

Ore 09,00 Santa Messa (Chiesa del Collegio)

Ore 09.30 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 10,45 Accoglienza delle Autorità civili e Militari davanti la Porta della Chiesa.

Ore 11,00 Santa Messa Solenne con la partecipazione delle Autorità Civili e Militari (Chiesa Madre)

Ore 17,00 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 18.00 Solenne processione con L’immagine di Maria SS. del Soccorso.

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post