Celebrazioni per la Solennità del CORPUS DOMINI

Pubblicato il da parrocchiecaltavuturo.over-blog.it

SKMBT C28011060904300

    Celebrazioni per la Solennità del

          Corpo e Sangue del Signore

          

  

            04giugno-17 giugno 2012    

           “Adoro Te

        fonte della Vita!”

  

 

 

“Mentre mangiavano, Gesù prese il pane e, pronunziata la benedizione, lo spezzò e lo diede ai discepoli dicendo: Prendete e mangiate; questo è il mio corpo.  Prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo: Bevetene tutti, questo è il sangue dell’alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati” (Mt 26, 26-28).

 

Era la cena con cui si celebrava, l’Amore di Dio, con il “rendimento di grazie”. Il popolo, per dovuta riconoscenza, si impegnava ad osservare i comandamenti. Era l’alleanza tra Dio e gli uomini. Tale alleanza era sigillata con il sangue (Es 24, 4-8).  Gesù sostituisce quella cena con un’altra, che sarà memoriale di una nuova alleanza, pure sigillata col sangue, il proprio. È l’anticipo di quanto avverrà sulla Croce.  Con questa nuova cena celebrata dai credenti, si fa il “rendimento di grazie” per la salvezza ricevuta. Il tutto è sigillato dal sangue di Cristo. È l’opera più grande di Dio. È il dono massimo di Gesù, come ebbe a dire: “Non c’è amore più grande che dare la vita”. È la celebrazione essenziale per la nostra fede. È l’incontro con il Gesù Risorto, vivo e operante in mezzo a noi. È ancor più del “toccare” dell’emorroissa. È un mangiare, nel cui atto Lui assimila noi, tanto che Paolo dirà: “Non son più io che vivo…”. Il suo amore in noi si irradia e sprigiona una forza che guarisce ad ogni livello: fisico, psichico, morale e spirituale. Purtroppo, per molti, è un semplice rito e non un “memoriale”. È la osservanza di un precetto, non un’esperienza di vita che aiuta a percorrere la strada con Gesù, sia come persona che come coppia. Allora, si tratta di comprendere e vivere i quattro termini che dicono tutta la forza dell’Eucaristia, nella vita cristiana, personale e di coppia. Da essa tutto scaturisce come da sorgente. Da essa si rivela l’amore del Padre reso visibile nel Figlio per l’azione dello Spirito presente in ogni momento. In tale ottica, anche l’azione più banale, acquista valore e la giornata è vissuta nella serenità, perché – dice Gesù - “io sono con voi” Sant’Agostino afferma: “Se la ferita mi duole, tu sei il Medico; se la febbre mi brucia, tu sei la Fonte; se l’iniquità mi perseguita, tu sei la Giustizia; se la debolezza mi stanca, tu sei la Forza; se la morte mi spaventa, tu sei la Vita; se il cielo mi attrae, tu sei la Via; se il buio mi sommerge, tu sei la Luce. Ti voglio amare e lodare per sempre. Amen!”.

Se Dio ci ha dato tutto, anche noi dobbiamo a Lui offrire tutto. In Lui deve convergere tutta la vita. Ciò si dimostra attraverso il segno dei doni offertoriali, che stanno ad indicare l’offerta della nostra vita.

Non si tratta solo di metterla “al” centro, ma di farla diventare “il” centro. È “al centro” se, una volta capito il valore, è frequentata.

È “il centro” solo se lo stile della nostra vita è modellata a quello dell’Eucaristia. Questo, come detto sopra, non è altro che la spiritualità di Paolo: “Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me” (Gal 2, 20). Ciò si dimostra nell’impegno di un cammino spirituale con il quale ogni giorno si lotta per far morire l’ “io egoistico” e far vivere l’ “io oblativo”. Come Gesù aveva detto: “Non potete servire due padroni…”, così ora dice: “Non ci sono alternative. Al centro ci sta l’Eucaristia o ci sta l’io”. Pensiamo al modello/stampo che l’artista usa per realizzare una statua. Analogamente Cristo è il modello/stampo su cui noi siamo formati. È lui che di mano in mano ci plasma con l’intervento e la forza dello Spirito. Come cera, noi veniamo liquefatti nello stampo che è Cristo. Però, sta a noi non rendere vana l’azione dello Spirito invocato con la seconda “epiclesi”: “Per la comunione al corpo e al sangue di Cristo, lo Spirito Santo ci riunisca in un solo corpo”.

 

 Da Lunedì 04 giugno a Sabato 09 giugno (Chiesa Madre)

ore 08,30 Santa Messa

Ore 16,30 Esposizione Eucaristica e Adorazione

Ore 18,30 Celebrazione dei Vespri E Benedizione Eucaristica.

Ore 19,00 Santa Messa.

  

Domenica 10 giugno: Solennità del Corpus Domini.

Ore 08,00 Santa Messa con la Partecipazione della Confraternita

                  e rito della Vestizione di un nuovo Confrate.

Ore 09,00 Santa Messa         (Chiesa del Collegio)

Ore 09,30 Santa Messa         (Chiesa del Convento)

Ore 11,00 Santa Messa         (Chiesa Madre)

Ore 17,30 Santa Messa Solenne

                 e Solenne Processione Eucaristica.

Itinerario: Via Alfieri, via P. Novelli, via San Tommaso, via S. Pellico, via D. Alighieri, via San Benedetto, via P. Parzanese, via Giusti, via Indipendenza, via Doria, via Alessi, via San Tommaso, via T. Tasso,via Sant’Agostino, via Vitt. Emanuele, via Falcone e Borsellino, via Roma, via A. da Brescia, via Manzoni, Chiesa Madre.

 

Lunedì 11 giugno:              

ore 08,30 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 19,00 Santa Messa in La Marmora e Processione Eucaristica.

Itinerario: via Mandrie, via Torino, via Palmeri, vicolo Pietà, via Alfieri, via Giordano Bruno, via Alfieri, via Sant’Agostino, Chiesa del Collegio.

Martedì 12 giugno:            

ore 08,30 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 19,00 Santa Messa nella Chiesa del Collegio  e Processione Eucaristica

Itinerario: via d’Alessi, via Bellini, via Silvio Pellico, via Parzanese, via Indipendenza, Chiesa della Badia.

Mercoledì 13 giugno: Memoria di Sant’Antonio di Padova

ore 08,30 Santa Messa (Chiesa Madre)

ore 10,30 Santa Messa (Chiesa del Convento)

Ore 19,00 Santa Messa nella Chiesa della Badia e Processione Eucaristica

Itinerario: via San Benedetto, via Porro, via Falcone e Borsellino, via Garibaldi, via XX Settembre, via Muratore, via Concezione,  Chiesa dell’Immacolata.        

Giovedì 14 giugno:

 ore 08,30 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 21,00 Santa Messa e Solenne Processione Eucaristica.

Itinerario:  via Manzoni, via Roma, via Rossini, via Meli, via Mazzini, via Pisani, via Muratore, via Meli, via Verdi, via Mameli, via Pisacane, via Macallè, via Piave, via La Marmora, via Balilla, via Riscossa, via Verdi, via

Meli, via Nino Bixio, via T. Colonna, Via Torino, via Alfieri, via Cavour, Chiesa Madre.

 

 Venerdì 15 giugno: Solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù.

ore 08,30 Santa Messa

e Adorazione Eucaristica fino alle ore 12,00  (Chiesa Madre)

Ore 19,00 Santa Messa nella Chiesa dell’Immacolata e Processione Eucaristica.

Itinerario:. via Savonarola, via Riscossa, via Verdi, via Pergole, via Pisacane, via Pisani, via XX Settembre, via G. Meli, Piazza San Francesco, Chiesa Del Convento.

Sabato 16 giugno:              

ore 08,30 Santa Messa (Chiesa Madre)

Ore 19,00 Santa Messa in Via Pio La torre e Processione Eucaristica.

Itinerario: Via Pio La Torre, Via P. Mattarella, Via Carlo Alberto Dalla Chiesa, via Falcone, via Purati,

via Inacasa, via IV Aprile,  via G. Meli, Piazza San Francesco, Chiesa del Convento.

  

Domenica 17 giugno:                     

Ore 08,00 Santa Messa         (Chiesa Madre).

Ore 09,00 Santa Messa         (Chiesa del Collegio)

Ore 09,30 Santa Messa         (Chiesa del Convento)

Ore 11,00 Santa Messa         (Chiesa Madre)

Ore 17,30 Santa Messa Solenne e Solenne Processione Eucaristica. (Chiesa del Convento)

 Itinerario: Via Meli, via Conciliazione, via Pisani, via De Gasperi, , via Filippo Palisano, via Falcone e Borsellino, Piazza Emanuele Aloi, via Mazzini, via Falcone e Borsellino, via Cavouri, via S. Rosalia, via Verdi, via Meli, via Riscossa, via Pepe, Via Pergole, via Vasche, via Mameli, via Mazzini, Via Pisani, via Rossini, Piazza San Francesco, Chiesa del Convento.

 

Preghiera

per la Settimana Eucaristica

 

Signore Gesù,

di fronte a Te, Parola di verità

e Amore che si dona,

come Pietro ti diciamo:

Signore, da chi andremo?

Tu hai parole di vita eterna”.

 Signore Gesù, noi ti ringraziamo

perché la Parola del tuo Amore

si è fatta corpo donato sulla Croce, ed è viva per noi nel sacramento della Santa Eucaristia.

 Fa’ che l’incontro con Te

nel Mistero silenzioso della Tua presenza, entri nella profondità dei nostri cuori e brilli nei nostri occhiperché siano trasparenza della Tua carità.

 Fa’, o Signore, che la forza dell’Eucaristia continui ad ardere nella nostra vita e diventi per noi santità, onestà, generosità,

attenzione premurosa ai più deboli.

 Rendici amabili con tutti,

capaci di amicizia vera e sincera

perché molti siano attratti a camminare verso di Te.

Venga il Tuo Regno,

e il mondo si trasformi in una Eucaristia vivente.

Amen.

 

 

 

 

  

  

Commenta il post